Gli alunni di 1A e 1B Industria e artigianato commentano l’incontro con i coniugi Fava

Nell’ambito del Progetto legalità il CFP ha proposto alle classi l’incontro con i coniugi Fava, genitori di Celestino, giovane testimone “scomodo”, ucciso dalla mafia solo perché aveva visto cose che non doveva vedere.

“Mi è piaciuto quando il padre con le sue lacrime è riuscito a spiegarci il suo passato e la mafia…” Thomas Masè

“Mi ha colpito molto il fatto che un ragazzo normalissimo da un giorno all’altro non ci sia più. I genitori di Celestino inizialmente erano distrutti, emotivamente distrutti…non uscivano di casa, avevano paura di incrociare gli sguardi dei loro compaesani. Nonostante fossero carichi di dolore e rabbia hanno avuto la forza di rialzarsi, riprendersi e venire da dei ragazzi come noi. Mi ha colpito il loro discorso sulla loro terra e sulla loro voglia di migliorarla…” Lorenzo Masè

“Quest’incontro mi ha fatto pensare a quanto siano ingiuste certe cose, come può un ragazzo giovane amato da tutti morire per colpa della mafia? E nonostante siano passati ventidue anni dalla morte di Celestino non si sa ancora bene perché sia stato ucciso e probabilmente non si saprà mai nulla. Spero che venga fatta giustizia per ogni innocente.” Parisi Evan

“Celestino è capitata una morte ingiusta perché è morto per aiutare un amico. La storia mi ha profondamente commosso e non capisco come abbiano fatto i genitori a trovare la forza di rialzarsi in piedi e ricominciare…” Daniel Pelizzari

“L’incontro è stato toccante, soprattutto quando ha parlato il padre di Celestino che ha detto delle parole molto importanti…” Marco Pierino Pelizzari

“La storia di Celestino mi ha colpito perché era un bravo ragazzo che viveva la sua vita normalmente come tutti i giovani della sua età. Questa esperienza mi ha fatto capire la vita delle persone che convivono quotidianamente con la mafia…” Omar Chaizzamane

“Mi hanno colpito molto due aspetti di quello che mi hanno raccontato oggi. Come prima cosa il fatto che nonostante fosse un ragazzo molto disponibile, è stato ucciso mentre faceva una gentilezza. La seconda cosa che mi ha stupito è stato il danno che la mafia ha fatto indirettamente ai genitori di Celestino. Infatti, oltre al dolore che provano tutt’ora per la sua perdita e la rabbia per non aver identificato il colpevole, per molti anni si sono sentiti costretti a rimanere chiusi in casa…” Giovanni Mattei

“Le cose che mi hanno dato fastidio e che mi hanno fatto un po’ arrabbiare è che il caso irrisolto sia stato chiuso, l’assassinio non sia stato giustiziato e che Celestino fosse solo una vittima innocente della mafia. I genitori di Celestino sono molto forti e sono stati anche molto gentili a venire nella nostra scuola. Non hanno parlato molto ma tra le poche cose che ha detto il padre di Celestino mi ha colpito quando ha detto che noi giovani è meglio che rimaniamo sulla strada giusta e di non entrare nella mafia perché da lì si esce solo morti.” Dad Kareem

“I genitori di Celestino non devono vergognarsi dell’altra gente, perché la mafia ha ucciso il loro figlio. Devono girare a testa alta perché solo loro sapevano chi fosse davvero. Io vorrei che il colpevole ammettesse la propria colpa, almeno i genitori si toglierebbero un peso. A loro dico di non vergognarsi perché pian piano arriverà il perché di questa strage”.  Lorenzo Salvadori

“Mi ha fatto molto piacere ascoltare il papà che, nonostante il suo dolore, ci dava dei consigli come fossimo suoi figli su come non cadere nella trappola in cui molti ragazzi cadono ancora oggi e fanno poi la fine dell’amico di Celestino. La mamma, rispetto al marito e alla zia, ha parlato meno ma nei suoi occhi ho visto la disperazione e la delusione nel vedere che gli assassini dei due ragazzi ad oggi sono ancora impuniti”. Pavel Cimarolli

“Quello che la signora Anna e il signor Toto ci hanno raccontato mi ha colpito, mi ha rattristato e mi ha scioccato: sono stati molto forti perché la perdita di un figlio è la cosa più brutta che possa accadere. Purtroppo non si conosce ancora l’assassino di Celestino, spero che in qualche modo lo trovino anche se è tardi…voglio che si ottenga giustizia.” Serhan Chakan

“Secondo me il papà Toto è stato molto forte a parlare e ci ha fatto capire come hanno vissuto i loro drammi dopo la perdita del figlio, che era innocente.” Brahim Halijti

“È stato emozionante sentire parlare delle persone che hanno perso il proprio figlio innocente. I genitori ancora adesso non riescono a mandar giù l’amarezza della morte del figlio. Non sono riusciti ad uscire di casa per dieci anni…” Luca Stagnoli

“La storia di Celestino e della sua vita è stata molto triste e commuovente per me ma di più per i loro genitori che dicevano che quello che è successo ha finito loro tutte le lacrime e che dentro di loro provavano rabbia per quello che la mafia ha fatto rovinando la vita alla loro famiglia.” Eliger Kakokai

“La cosa che dà più fastidio è che qualcuno abbia visto gli assassini di Celestino e non dica niente per la paura. La paura dovrebbe passare in queste situazioni ma, come diceva una mia professoressa, il mondo è ingiusto.” Daniele Salvaterra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *